I capricci non esistono

Quando parlo con i genitori e con gli educatori mi capita spesso di dire che i capricci, in realtà, non esistono. Non per come li definiamo noi adulti di solito, almeno. Provo a spiegarmi meglio.   Cosa intendiamo noi per capriccio? Alla parola “capriccio”, la prima immagine che mi viene in mente è un bambino…

Read more
PLANNER : uno strumento per organizzare i compiti

Il planner è uno strumento ancora troppo poco conosciuto ma è di grande aiuto per organizzare i compiti a casa e il materiale di studio per bambini e ragazzi. Spesso dietro ad un rendimento scolastico altalenante o non sufficiente c’è alla base una difficoltà nell’ organizzazione dei compiti e del materiale di studio. Il diario , contrariamente…

Read more
Tre miti sull’inserimento all’asilo nido

Prima di parlarvi dei miti sull’inserimento all’asilo nido voglio fare una premessa. Ho lavorato per anni come educatrice di asilo nido e della scuola dell’infanzia e credo che il lavoro dell’educatore, soprattutto quando si tratta di avere a che fare con bambini molto piccoli, sia davvero importantissimo. Questo articolo non si propone di criticare il…

Read more
Perché la sedia della riflessione non funziona?

“Siediti e rifletti su quello che hai fatto!” Che si tratti di un morso ad un altro bambino o di un intenso scoppio di rabbia, dall’asilo nido passando per la scuola dell’infanzia fino ai primi 2/3 anni della scuola primaria, la “sedia della riflessione” è ancora considerata una modalità educativa utile per far comprendere al bambino…

Read more
I compiti sono un affare dei bambini?

Ricevo spesso richieste di genitori che mi contattano per le difficoltà nei compiti e nello studio dei figli. Se la richiesta esplicita che mi viene fatta è, di solito, quella di aiutare i figli ad essere autonomi, di fatto poi sono gli stessi genitori che trovano difficile lasciarli fare i compiti per conto proprio. “Io…

Read more
Come sopravvivere ai compiti a casa

Il momento dei “compiti a casa” è spesso vissuto come stressante sia dai figli che dai genitori. Generalmente i ragazzi lo vivono con scarsa motivazione, trovando difficoltà nel capire l’importanza dello studio nel processo di apprendimento e della conquista della propria autonomia, e associano al fare i compiti emozioni negative quali noia, rassegnazione, fatica e…

Read more